Welink Accountants Welink Accountants
iva-europa

IVA in Europa: tutto quello che c'è da sapere

Welink Accountants

Welink Accountants

L'IVA, o imposta sul valore aggiunto, viene applicata praticamente a tutti i beni e servizi acquistati e venduti in Italia, ma anche all'interno dell'Unione Europea. 

 

A livello europeo, era quindi necessario armonizzare le norme sull'IVA per creare un regime fiscale unico per i consumi intracomunitari.

 

Tuttavia, l'IVA viene applicata in modo diverso nei vari Stati membri. Infatti, a seconda della natura della transazione e dell'identità del cliente, l'aliquota fiscale varia.

 

Come ci si può orientare con l'IVA in Europa? Ecco cosa c'è da sapere.

 

IVA intracomunitaria: IVA armonizzata all'interno dell'Unione Europea

Dal 1993, l'IVA intracomunitaria è obbligatoria per tutte le imprese che commerciano beni o servizi all'interno dell'Unione Europea. Il suo scopo è quello di uniformare il sistema fiscale tra i Paesi membri.

 

Tuttavia, la sua tassazione varia a seconda dei beni o servizi in questione, dell'origine delle aziende e del valore dello scambio. Pertanto, ogni Paese può imporre una tariffa diversa per un bene o un servizio.

 

È importante informarsi preventivamente sulle condizioni e sulle questioni relative all'IVA.

 

Il numero di partita IVA intracomunitario

A livello europeo, a ogni azienda viene assegnato un numero di partita IVA standardizzato. L'obiettivo è identificare l'azienda e semplificare le procedure fiscali.

 

Per esempio in Francia, il numero di partita IVA intracomunitario è composto dalle lettere FR, da un codice a due cifre e dal numero SIRET dell'azienda. 



Ricevere il numero di partita IVA intracomunitaria

Viene rilasciata gratuitamente dalle autorità fiscali su richiesta. Ci vogliono circa dieci giorni per riceverla.

 

Verifica del numero di partita IVA intracomunitaria di un fornitore di servizi 

È possibile verificare il numero di partita IVA intracomunitaria di un fornitore di servizi utilizzando il sistema VIES della Commissione europea. 

 

Come si applica l'IVA intracomunitaria?

L'IVA intracomunitaria è applicata in modo simile a quella francese. Tuttavia, le tariffe variano da Paese a Paese.

 

Quali sono le transazioni interessate?

L'IVA intracomunitaria si applica a tutte le transazioni di acquisto e vendita di beni tra aziende di Stati membri dell'Unione Europea. 

Il pagamento dell'IVA varia a seconda che la transazione riguardi beni o servizi: 

  • nel caso di beni, spetta al venditore dichiarare l'IVA attraverso la Dichiarazione di Scambio Beni
  • se si tratta di un servizio, l'IVA applicata è quella del luogo di residenza del cliente

Tuttavia, in caso di scambio di servizi, il venditore fattura al netto dell'imposta e spetta al cliente dichiarare l'IVA.

 

Direttive sulle aliquote IVA

L'UE definisce un quadro giuridico per le aliquote IVA, ma ogni Paese è libero di fare ciò che vuole.

 

Ad esempio, l'aliquota standard, che si applica a tutti i beni e servizi non esenti, non deve essere inferiore al 15%. Non c'è un tetto massimo.

 

Per quanto riguarda le aliquote IVA ridotte, è possibile applicare da una a due aliquote ridotte. I beni e i servizi interessati sono definiti nell'Allegato III della Direttiva IVA. I tassi non devono essere inferiori al 5%.

 

Tuttavia, esistono delle eccezioni a queste direttive. Alcuni Paesi possono applicare tassi più bassi durante un periodo di transizione. 

 

Contabilità e fatture

L'IVA deve essere sempre inclusa nei registri contabili, anche se è esente. I dati saranno quindi registrati al netto delle imposte. 

 

Nella dichiarazione IVA, le vendite all'interno dell'Unione Europea sono indicate nella riga "Cessioni intracomunitarie".  

 

Le fatture devono riportare le seguenti informazioni

  • il numero di partita IVA intracomunitaria del cliente
  • il testo che indica che la vendita è esente da IVA o che il cliente è soggetto a IVA:
    • per la vendita di beni: "esenzione dall'IVA ai sensi dell'articolo 262 ter, I 1° del Codice generale delle imposte" o "esenzione dall'IVA ai sensi dell'articolo 138 (1) della direttiva 2006/112/CE e successive modifiche".
    • per una prestazione di servizi: "IVA dovuta dal cliente ai sensi dell'articolo 259 B del Codice generale delle imposte - articolo 9, paragrafo 2, lettera e) della sesta direttiva IVA n. 77/388 e successive modifiche - articolo 56, paragrafo 1 della direttiva 2006/112/CE".

Infine, anche se esente da IVA, è possibile detrarre l'IVA sui costi sostenuti per la produzione di beni o servizi venduti nell'Unione Europea.

 

IVA ed esportazione al di fuori dell'Unione Europea

L'IVA extra-UE è l'opposto dell'IVA intra-UE, all'interno dell'Unione Europea. Riguarda quindi tutti i Paesi al di fuori dell'Unione Europea, anche quelli all'interno dell'Europa.

 

L'esportazione di beni e servizi al di fuori dell'UE non è soggetta a IVA. Se esportate un prodotto, non dovete dichiarare l'IVA, ma dovete fornire alle autorità fiscali i documenti che provano il trasporto dei prodotti al di fuori dell'UE: una copia della fattura, del documento di trasporto o di una voce doganale di importazione.

 

In questo modo, potrete detrarre l'IVA precedentemente pagata ai fini dell'esportazione. 

 

Tuttavia, se importate da paesi extra UE, sarete comunque soggetti all'IVA del paese preso in considerazione, che dovrà essere pagata alla dogana.

 

Conclusione

Qualunque sia il vostro settore di attività, la vostra azienda è interessata dall'IVA.

 

Se effettuate scambi commerciali con aziende all'interno dell'Unione Europea, sarete quindi soggetti all'IVA intracomunitaria e alle sue regole. Sono simili a quelli che si applicano in Francia: è l'acquirente che deve pagare l'IVA.

 

Tuttavia, assicuratevi di controllare le tariffe del Paese in questione. Infatti, nonostante la volontà dell'Unione Europea di uniformare la tassazione tra i Paesi membri, questi ultimi possono ancora decidere le aliquote dell'imposta sul valore aggiunto applicabili sul loro territorio.

Trova il tuo commercialista vicino a te Altri risultati

Sei un Commercialista?

Fai conoscere il tuo Studio su Welink Accountants