Welink Accountants Welink Accountants
dichiarazione-redditi-calcolo-tasse

La dichiarazione dei redditi: il documento fiscale per il calcolo delle tasse

Welink Accountants

Welink Accountants

La Dichiarazione dei Redditi: cos’è e come farla

Che piaccia o meno, ogni anno ogni cittadino italiano è chiamato a portare a conoscenza lo Stato dei redditi percepiti durante tutto l’anno mediante la dichiarazione dei redditi, che è diversa dalla dichiarazione ISEE.
In questo articolo cercheremo in poche parole di spiegarvi cos’è la dichiarazione dei redditi e perché è così fondamentale compilarla.

 

La dichiarazione dei redditi è un importantissimo documento fiscale grazie al quale, come già detto, comunichiamo al fisco tutto ciò che abbiamo guadagnato durante l’anno precedente. Per intenderci: nel 2021 si presentano i redditi guadagnati durante l’arco del 2020.
Si tratta di un documento di fondamentale importanza perché proprio grazie a questo il fisco può conteggiare le tasse.
È opportuno specificare che per il conteggio delle tasse non viene preso in considerazione solo ciò che il contribuente ha guadagnato grazie alla propria attività lavorativa, ma anche delle spese necessarie per mantenere la propria attività, le spese necessarie per il sostentamento della famiglia o della propria persona, come ad esempio l’acquisto di farmaci o visite mediche.

 

I modelli disponibili per la dichiarazione dei redditi

Quello che potrebbe mettere un po’ di confusione, e per questo non possiamo che ringraziare i commercialisti che ci seguono passo passo, sono i diversi modelli per poter presentare la dichiarazione dei redditi.

 

I modelli sono:

  • 730 ordinario
  • 730 precompilato
  • modello Redditi SC, SP e ENC
  • Redditi PF, ovvero persone fisiche
  • modello Redditi precompilato PF

 

Ma quale modello, tra quelli visti, va utilizzato nel nostro caso? Vediamo un po’ di fare chiarezza.
Il modello 730 ordinario, che è quello più utilizzato, va utilizzato da tutto coloro i quali hanno percepito un reddito in qualità di lavoratori dipendenti, tra cui rientrano anche i lavoratori in cassa integrazione e in mobilità; dai pensionati; dai soci di cooperative di produzione e lavoro, agricole, di prima trasformazione dei prodotti agricoli e della pesca; da chi ha svolto lavori socialmente utili.

 

Nel caso in cui il contribuente ha posseduto una partita IVA, la dichiarazione dei redditi va fatta tramite il modello redditi.
In questa casistica rientrano anche coloro che non hanno risieduto in Italia durante l’anno fiscale a cui si fa riferimento, coloro i quali hanno terminato un contratto di lavoro a tempo indeterminato, chi deve presentare la dichiarazione per conto di un contribuente deceduto e per chi deve presentare dichiarazioni Iva, Irap, Modello 770 ordinario e semplificato.

 

Vi sono poi dei casi particolari. Infatti, nel caso in cui un contribuente, pur potendo utilizzare il normale 730, ha necessità di presentare sezioni specifiche, deve utilizzare il modello redditi PF. 
È questo il caso in cui il contribuente è proprietario di un immobile all’estero o possiede delle attività che hanno sede fuori dal nostro Paese, ed in questo caso rientrano anche gli investimenti su società estere. Inoltre, sarà tenuto a presentare il modello redditi anche chi ha trasferito denaro per una somma complessiva superiore ai 10 mila euro.

 

Come fare la dichiarazione

Bene, adesso che abbiamo capito cos’è la dichiarazione dei redditi, non ci resta che capire come presentarla.
Anche in questo caso ci sono delle differenze in base al modello che si deve presentare. Infatti, nel caso del modello 730, basta presentare la documentazione ed il relativo modulo al sostituto di imposta, che può essere il proprio datore di lavoro o l’ente pensionistico, o da un professionista, che può esercitare in un CF o presso uno studio privato.

 

Se, invece, abbiamo a che fare con il modello redditi, allora la dichiarazione può essere presentata direttamente all’Agenzia delle Entrate attraverso il portale telematico o, in alternativa, anche in questo caso ci si può avvalere di un CAF, di associazioni di categoria o di un commercialista.

Sei un Commercialista?

Fai conoscere il tuo Studio su Welink Accountants