Welink Accountants Welink Accountants
legge-bilancio

La legge di bilancio: cos’è

Welink Accountants

Welink Accountants

Quante volte, ascoltando un telegiornale su qualsiasi rete televisiva abbiamo sentito parlare della famosa Legge Di Bilancio? Questo termine, insieme a tanti altri, è molto citato ma, come purtroppo spesso accade, pensando che sia qualcosa che ci riguardi poco o niente, ignoriamo l’argomento.

 

Negli ultimi due anni segnati dalla pandemia da Covid, questo termine è diventato via via  più interessante e, anzi, sempre più persone attendono con ansia la sua approvazione. Ma di cosa si tratta?

 

La legge di bilancio è, in realtà, un documento che interessa tutti i cittadini e questo perché al suo interno sono indicate tutte le previsioni delle entrate e delle uscite dello stato per l’anno a venire.

 

Cos’è la legge di bilancio

Cerchiamo di capire bene che cos’è questo importante documento.

 

La legge di bilancio è un importante documento contabile all’interno del quale vengono indicate tutte le voci di spesa che lo stato dovrà sostenere ma anche le entrate previste per l’anno fiscale successivo, tenendo conto delle leggi attualmente in vigore ovviamente.

 

È proprio nella legge di bilancio che vengono indicate anche tutte le manovre economiche che lo stato mette in atto per incentivare l’economia del nostro paese. Da qui capiamo bene che tutti gli interessati ad usufruire degli importanti bonus attivati per la ristrutturazione degli immobili, attendono con trepidazione di scoprire eventuali proroghe, novità e cambiamenti rispetto alla situazione attuale.

 

In particolare ci riferiamo al tanto discusso Superbonus 110% che, a quanto pare, è stato incluso nella legge di bilancio di quest’anno con una proroga che lo rende attivo fino al 2024. Il Superbonus è solo una delle manovre che sono contenute nella legge di bilancio. Gli argomenti trattati sono diversi e vanno dalla sanità al lavoro e alla famiglia.

La legge di bilancio nella Costituzione

La legge di bilancio è prevista dall’articolo 81 della Costituzione Italiana:

 

Lo Stato assicura l'equilibrio tra le entrate e le spese del proprio bilancio, tenendo conto delle fasi avverse e delle fasi favorevoli del ciclo economico.”

 

Da quello che possiamo leggere nell’articolo 81, la norma prevede dunque che lo Stato, tenendo conto anche delle fasi economiche possibilmente avverse, deve assicurare che le entrate e le spese del proprio bilancio restino in equilibrio.

 

Nell’articolo 81 si parla di indebitamento e viene precisato che questo è da considerarsi una soluzione estrema in caso di eventi eccezionali. Prima di poter richiedere un prestito che procuri un debito, tale procedura deve prima passare dalle Camere e la manovra deve essere votata con maggioranza assoluta.

 

La costituzione ci fornisce anche indicazioni sulla scadenza e prevede l’approvazione della legge di bilancio una volta l’anno. Stabilisce anche che l’esercizio provvisorio della legge può durare per un massimo di quattro mesi.

 

Prescrive, inoltre, che "Il contenuto della legge di bilancio, le norme fondamentali e i criteri volti ad assicurare l'equilibrio tra le entrate e le spese dei bilanci e la sostenibilità del debito del complesso delle pubbliche amministrazioni sono stabiliti con legge approvata a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera, nel rispetto dei princìpi definiti con legge costituzionale".

 

Legge di stabilità e legge di bilancio

La legge di stabilità, che nel 2009 ha sostituito la vecchia Legge finanziaria, è lo strumento legislativo che permette l’attuazione delle linee programmatiche a medio termine dettate dalla politica di finanza pubblica.

 

In passato legge di bilancio e legge di stabilità erano due documenti separati ma dal 2016 la Legge di stabilità è confluita nella Legge di bilancio. Entrambe le leggi costituiscono la manovra finanziaria per il triennio di riferimento, nonché lo strumento che permette l’attuazione delle decisioni prese in campo finanziario.

 

La legge di bilancio si compone di due sezioni. La prima parte contiene tutte le norme e le misure necessarie per il raggiungimento degli obiettivi prefissati. La seconda sezione è dedicata invece alla contabilità; proprio qui sono riportate le previsioni che riguardano sia le entrate, sia le uscite.

 

Quando viene approvata la legge di bilancio

Per l’approvazione della legge di bilancio vi sono delle tempistiche da rispettare anche perché, cosa molto importante, ogni legge di bilancio deve essere trasmessa alle istituzioni UE, procedura a cui sono sottoposti tutti gli stati membri, non solo l’Italia. La data entro la quale il documento deve essere presentato all’UE è il 15 di ottobre, mentre il 20 dello stesso mese la legge deve essere presentata al Parlamento. Le istituzioni dell’Unione Europea daranno il loro parere entro il 30 novembre. Superato tutto l’iter, la legge di bilancio deve essere approvata entro il 31 dicembre. Infine, la legge di bilancio entra in vigore da 1° gennaio del nuovo anno.

 

Legge di bilancio del 2022

Come detto all’inizio, negli ultimi due anni sono stati tanti i cittadini che aspettano l’approvazione della legge di bilancio che mai come prima ha l’importantissimo compito di riuscire a risollevare l’economia del nostro Paese, duramente colpita dalla pandemia.

 

Tra le misure più discusse vi è il Superbonus 110%, una delle manovre economiche più importanti degli ultimi anni che agisce su molteplici fronti. Il primo è quello di risollevare il settore edilizio, in crisi da diversi anni. L’indotto del settore edilizio è davvero considerevole e una sua ripresa riuscirebbe a far riprendere l’economia dell’intero paese. L’altro fronte è il sostegno ai cittadini, soprattutto a chi non dispone di un budget da poter utilizzare per rendere la propria abitazione più sicura e confortevole. Il terzo fronte, non meno importante, è la sensibilizzazione dei cittadini su temi come sicurezza e l’efficientamento energetico, due aspetti ancora troppo trascurati nelle nostre abitazioni troppo spesso carenti di qualsivoglia strumento. Lo scopo è quindi quello di andare a recuperare il patrimonio edilizio di cui disponiamo, rendendo sempre più sicure ed efficienti le nostre abitazioni.

 

A quanto pare la tanto attesa proroga del Superbonus è arrivata ma nella legge di bilancio per il 2022 sono state apportate importanti modifiche. Innanzitutto, condomini e case popolari potranno usufruire del bonus fino al 2024, mentre per le unifamiliari la nuova legge di bilancio allunga di sei mesi il tempo di adesione, ossia fino a fine anno. La più importante modifica riguarda la platea di riferimento: potranno ottenere il bonus coloro i quali presentano un ISEE non superiore a 25.000€. Infine, ma questo aspetto non è meno importante, la legge di bilancio prevede anche la proroga le due modalità di accesso al bonus (inserire link all’articolo “Cessione credito e sconto in fattura: la proroga fino al 2024”) che quindi permettono di usufruire degli incentivi nell’immediato: stiamo parlando della cessione del credito, che permette di potersi avvalere del bonus anche se non si raggiunge la cifra massima attraverso le detrazioni IRPEF in fase di dichiarazione dei redditi, e con esso lo sconto in fattura.

 

L’arduo compito del Governo adesso è quello di incentivare l’economia ma, allo stesso tempo, combattere l’evasione fiscale, problema che da sempre affligge il nostro paese e che, causando uno sbilancio tra entrate ed uscite, rischia di mettere a repentaglio le misure appena viste.

Sei un Commercialista?

Fai conoscere il tuo Studio su Welink Accountants