Welink Accountants Welink Accountants
Decreto Sostegni Bis e partite IVA

Decreto Sostegni Bis e partite IVA

Welink Accountants

Welink Accountants

Decreto Sostegni Bis e partite IVA: le nuove agevolazioni 

Abbiamo già descritto in separata sede le novità previste dal Decreto Sostegni, il Decreto emanato dal presidente del Governo Mario Draghi per far fronte alla crisi economica che sta attraversando il nostro paese.

 

Oggi vogliamo attenzionare il DL dal punto di vista dei contributi previsti per le partite IVA. 

 

Vediamoli nel dettaglio. 

Contributi a fondo perduto 

Vediamo più nel dettaglio il tipo di contributi a fondo perduto per i possessori di partita IVA e le categorie economiche che potranno beneficiarne.  Con il Decreto Sostegni si dà spazio anche alle partite IVA di piccole dimensioni

 

Per quanto riguarda le regole per il calcolo dei contributi cambieranno le percentuali erogate per ogni singola fascia economica.

Quali sono le fasce di ricavi previste? 

Vediamo le percentuali di contributi previste del DL Sostegni ad una per una in base al fatturato. E 'importante tenere presente che si sta calcolando la perdita media mensile calcolata sui dodici mesi che vanno dal 2019 al 2020: 

  • Fino a 100mila euro di ricavi è previsto circa il 60% della perdita mensile media;
  • Per guadagni superiori a 100mila e fino a 400mila euro è previsto circa il 50% della perdita mensile;
  • Per ricavi superiori a 400 mila e fino a 1 milione di euro è previsto circa il 40% della perdita mensile;
  • Per guadagni superiori a 1 milione e fino a 5 milioni di euro è previsto circa il 30% della perdita mensile;
  • Per guadagni superiori a 5 milioni e fino a 10 milioni di euro è previsto circa il 20% della perdita mensile. 

Una novità positiva riguarda la celerità con la quale i contributi verranno erogati. Si parla addirittura di un lasso di tempo di soli 10 giorni dall’invio della domanda all’erogazione del denaro. 

Come si presenta la domanda per accedere ai contributi? 

La domanda per accedere ai contributi previsti per le partite IVA va presentata in via telematica presso il sito dell’Agenzia delle Entrate attraverso i canali Fisconline e Entranel o tramite piattaforma Sogei. 

 


Il richiedente potrà scegliere se farsi accreditare il contributo direttamente sotto forma di bonifico bancario o come credito di imposta.

 I requisiti per accedere ai contributi 

I requisiti per poter accedere a questi contributi sono: 

  • La residenza italiana; 
  • Non aver cessato l’attività prima del 23 marzo 2021; 
  • Aver aperto la partita IVA prima del 24 marzo 2021; 
  • Aver registrato una perdita di guadagni del 30% nel 2020 rispetto al 2019. In questo caso l’ammontare dei contributi andrà calcolato in base alle fasce di guadagni elencate sopra; 
  • Avere un fatturato inferiore ai 10 milioni di euro nel 2019; 
  • I soggetti cui la perdita nel 2020 risulti pari a zero rispetto o positiva rispetto al 2019 usufruiranno invece dell’importo minimo ovvero 1000 euro se si tratta di persone fisiche o 2000 se si tratta di aziende. 

Ecco come vengono calcolati i contributi: 

  • I soggetti in possesso di partita IVA dal 1° gennaio del 2019 usufruiranno di contributi calcolati sulla base di quanto perso nei mesi successivi all’attivazione della stessa. 
  • I soggetti che hanno attivato la partita IVA dal 1° gennaio del 2020 invece beneficeranno di contributi non inferiori ai 1000 euro per le persone fisiche e 2000 per le aziende. 

Sei un Commercialista?

Fai conoscere il tuo Studio su Welink Accountants